NATIVE ALASKA – Volume Tre | Arctic Visions - Isacco Emiliani
163
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-163,theme-bridge,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-3,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-19,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

NATIVE ALASKA – Volume Tre | Arctic Visions

Native Alaska, il terzo volume di Arctic Visions.
9 schede fronte e retro per un totale di 18 foto per raccontare il forte parallelismo tra natura e uomo.

Mi trovo in uno dei villaggi più a nord dell’Alaska, dove finisce l’Arctic National Wildlife Refuge e la tundra artica sfocia nel mare di Beaufort, l’ultima frontiera prima dell’oceano artico.
Qui incontro il cuore pulsante di una terra rimasta immutata nei secoli. Adattamento: è questa la parola che ha condizionato da millenni la vita degli abitanti del circolo polare artico. Gli Inupiaq, gli Inuit del nord dell’Alaska, popolazione nativa portavoce di una dimensione umana, antica e gentile, che oggi si trova di fronte a nuove e difficili sfide: dai cambiamenti climatici alla globalizzazione, allo sfruttamento di un territorio magico che, oggi come mai prima nella storia, è profondamente minacciato.

Al loro fianco i grandi predatori dell’artico, gli orsi polari, maestosi mammiferi che si sono evoluti per prosperare nel clima più feroce sulla terra, ora stanno lottando per sopravviverci. Gli orsi e gli Inuit, due storie parallele indissolubilmente legate.

Sotto lo stesso cielo, sopra la stessa superficie, qui uomini e animali hanno imparato a convivere, nel rispetto della grande madre terra. Gli Inuit, con il loro intreccio di forza e intelligenza, hanno imparato ad adattarsi osservando e imitando l’orso polare, ricalcando le sue orme, studiando il suo equilibrio sulle superfici ghiacciate e scivolose, per replicare ad ogni passo il suo movimento. Hanno condiviso con gli animali la stessa porzione di terra, nel segno di una conviviale promessa di vita comune.

Ma tutte le specie animali che abitano il Polo hanno nel cuore la memoria che tutto sta mutando. Il ghiaccio diventa sempre più instabile, l’erosione delle coste è sempre più visibile e minacciosa, le rotte migratorie degli animali cambiano, giorno dopo giorno.

Non posso immaginare il mondo senza il bianco gelido del ghiaccio.
Non riesco a immaginare il mondo senza i suoi antichi guardiani del freddo.
Non voglio immaginare il mondo senza prima fare la mia parte per salvaguardare tutto questo.

ACQUISTA LA FANZINE

Video Trailer | Native Alaska – vol.3 of Arctic Visions

FOTOGRAFIA

Isacco Emiliani

EDITING

Alex Liverani

TESTI

Ivan Tabanelli

VIDEO

Cinefood

PUBBLICAZIONE

Gennaio 2019

EDIZIONE LIMITATA

300 Copie