OASI DYNAMO – DYNAMO CAMP

Può un Oasi di Caccia privata diventare un grande progetto sociale e ambientale?

E’ questa la domanda che mi sono fatto quando ho deciso di iniziare questo progetto di conservazione in Oasi. Una volta arrivato, ormai un anno fa non ho avuto dubbi, questa era una storia che sul territorio italiano era nuova e nel tempo sarebbe potuta diventare un punto di riferimento per i parchi in Italia.

Continua a leggere

Quel giorno era un giorno di tempesta, gli scenari di questo appennino toscano erano scenari nordici a tratti Finlandesi, di quegli scenari che puoi incontrare solo dove l’uomo sembra non
essere mai arrivato.
Ho conosciuto Giulia, responsabile della fauna e dell’outdoor dell’oasi che si è fin da subito resa totalmente disponibile nell’aiutarmi nel fare questo progetto.
Un progetto con una durata stimata di circa 2 anni, ma che poi nel giro di non troppo tempo mi resi conto non sarebbero bastati.
Giulia mi ha raccontato il grande ripopolamento di quest’area, ripopolamento che ho poi potuto vedere con i miei occhi fin subito inoltrandomi prima del crepuscolo mattutino e scoprendo il bramito dei cervi, condividendo con i ragazzi dei campi cene davanti al fuoco, ammirando cieli pieni di stelle, scoprendo con alcuni ornitologi come qui in Oasi ci siano specie non delle più comuni come la averla piccola che decidono di passare l’estate proprio qui.
Ogni volta che vengo in Oasi per proseguire questo reportage mi accorgo che c’è sempre qualcosa da aggiungere a questa storia. Qui ho ritrovato equilibri naturali che in tanti luoghi del nostro appennino si sono purtroppo persi.
Ricordo ancora l’immagine di un lupo, che prima avevo solo avvistato negli ultimi avamposti di un luogo estremo come l’Abruzzo.
Due occhi, il manto illuminato, un battito incessante forse per 3 secondi, uno scenario che non dimenticherò mai.
Oasi Dynamo credo sia questo, un luogo dove la natura regna ancora sovrana e credo sia un dovere di tutti preservare tutto questo, raccontandolo, perché le storie di quella natura selvaggia
che mi raccontava mio nonno non possono essere perdute.

Chiudi

On Assignment
Dynamo Camp

Fotografia
Isacco Emiliani

Storytelling
Isacco Emiliani

Attività outdoor e gestione faunistica
Giulia Santalmasi

Ornitologo
Sauro Giannerini