Arctic - Isacco Emiliani
16147
page-template-default,page,page-id-16147,page-child,parent-pageid-15750,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-3,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Arctic

Native Alaska, il terzo volume di Arctic Visions. 9 schede fronte e retro per un totale di 18 foto per raccontare il forte parallelismo tra natura e uomo. Sono stato ospitato dagli Inupiaq, gli inuit che da sempre abitano questo territorio, e ho potuto vedere con i miei le occhi le nuove e difficili sfide che hanno di fronte su un territorio che, oggi come mai prima nella storia, è profondamente minacciato.
In primo piano, al loro fianco, i grandi predatori dell’artico, gli orsi polari, maestosi mammiferi che si sono evoluti per prosperare nel clima più feroce sulla terra, oggi stanno lottando per sopravviverci. Native Alaska, parla proprio di questo, facendo parallelismi, creando connessioni tra questi due mondi. Storie parallele indissolubilmente legate.

Scopri la pubblicazione qui

Prehistoric Norway, il secondo volume di Arctic Visions. Un viaggio nel tempo. Dalle luci dorate del mattino che mostrano il volto desolato e primordiale di una terra antica e inospitale, fino al sorgere di luna, e poi ancora, nel cuore della notte dove la forza primitiva dell’aurora boreale, immensa nella sua vastità, rende superflua la presenza dell’uomo. Resto lì, sento il respiro della terra.

Scopri la pubblicazione qui

White Finland, il primo volume di Arctic Visions. La Finlandia aspettava solo di essere scoperta e io avevo la necessità di conoscerne ogni suo angolo più remoto. Davanti ai miei occhi solamente un gigante foglio bianco. Ho scoperto il bianco della neve soffice, il bianco della tormenta gelida, il bianco del cielo coperto, il bianco dei sentieri ghiacciati e il bianco della taiga sconfinata. Quanti bianchi ci sono ancora nell’artico. E chissà quanti bianchi ancora dovrò scoprire.

Scopri la pubblicazione qui